La Carinzia

Pin It

Kärnten è la regione austriaca più meridionale ed è uno dei maggiori distretti turistici del Paese. Il land (superficie di 9.536 km² e circa 559.000 abitanti) si trova nel cuore delle Alpi e proprio le Alpi Carniche delimitano il suo confine meridionale con l’Italia (province di Belluno e di Udine) e con la Slovenia. A nord, invece, segna il confine con la regione salisburghese la catena dei Tauri. La regione, confina poi a est con il land della Stiria, ed a ovest con il Tirolo orientale (Osttirol).

Attraversata dalla Drava (Drau), la Carinzia, fu in passato un’importante regione del Sacro Romano Impero e dell’Impero Asburgico. Oggi, è un land attivo e vivace soprattutto nel settore turistico, ingegneristico ed elettronico.

La Carinzia è suddivisa in otto distretti (Spittal an der Drau, Hermagor, Villach-Land, Feldkirchen, Klagenfurt-Land, Sankt Veit an der Glan, Völkermarkt, Wolfsberg) e due città statutarie Klagenfurt am Wörthersee e Villaco (Villach).

Klagenfurt, nel cuore del land, a 60 km dal confine italiano, sul lago di Wörth (uno dei più caldi laghi d’Europa) è il capoluogo della Carinzia ed è facilmente raggiungibile, anche dall’Italia, percorrendo l’autostrada A2 Süd Autobahn.

Da sempre importante crocevia commerciale, nel corso della sua esistenza, la città visse alterne e drammatiche vicende. Conobbe incendi, devastazioni e bombardamenti che però non le scalfirono il suo carattere vivace e la sua meravigliosa anima. Affascinante e piena di vita e colori la città incanta in ogni stagione, tant’è che soprannominata la “Rosa del Wörthersee“.

Città moderna (basti pensare alla centralissima “Neuer Platz” protagonista di un vigoroso, e riuscito, restyling che non ha deturpato, bensì esaltato l’atmosfera neoclassica), ma dal fascino antico Klagenfurt, è un vero e proprio gioiello rinascimentale che è stata insignita più volte del rinomato diploma istituito da “Europa Nostra” (federazione pan-europea nata per diffondere, valorizzare e conservare il patrimonio culturale del vecchio continente).

Tra le architetture più pregevoli, si segnala la Fontana del Lindwurm (eretta sul finire del Cinquecento) sormontata da un drago (il Lindwurm, simbolo della città) che, si narra, fu ucciso per dar vita alla città.

Bellissimo è anche il Palazzo che ospita l’attuale municipio (il Rathaus) eretto, in stile rinascimentale, nel 1650 dal conte Rosenberg, caratterizzato da una grandiosa scalinata. Anche l’Altes Rathaus, l’antica sede del governo cittadina, anch’essa legata alla famiglia Rosenberg ed impreziosita da una bellissima corte interna circondata da un porticato.

Tra le architetture religiose, spicca la Chiesa parrocchiale di Sant’Egidio (St Giles), commissionata da Johann Friedrich Orsini Rosenberg ed impreziosita dalla fulgida cappella di Fuchs. Numerosi i musei cittadini: Museo di Arte Moderna (ospitato in un’ex fortezza) il Museo Provinciale, il Museo Diocesano (con una bellissima collezione incentrata sul periodo che va dall’epoca romantica fino al tardo classicismo), Casa di Musil – Museo letterario Robert Musil (il grande autore che qui nacque il 6 novembre 1880) e il Minimundus che permette di scoprire in modo innovativo e divertente il nostro pianeta (ospita, infatti, 150 modelli di edifici famosi, treni e navi in scala).

La seconda città della Carinzia è Villach (spesso italianizzato in Villaco), sul fiume Drava, poco lontana dai confini italiani e sloveni. Città ordinata, ma affascinante e romantica, nonostante fu devastata dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, ha conservato un interessante patrimonio architetturale ed artistico.

Il centro storico è incantevole. L’Hauptplatz (Piazza Principale), risale al XII secolo e da sempre è il cuore commerciale e sociale della città, su di essa si affacciano tanti edifici storici. Tra tutti spicca la Stadtpfarrkirche St. Jakob (Chiesa parrocchiale di San Giacomo), famosa per il suo campanile alto 94 metri (il più alto del land). Poco lontano da essa, il Castello di Bamberg (antica sede dell´amministrazione Bamberghese).

Tra i musei si segnalano: Il museo dei veicoli (museo “oldtimer” dedicato agli anni ’50) ed il Museo della Città (fondato nel 1873 racconta storia, l’arte e la cultura della città). Nei dintorni della cittadina sorge il suggestivo Faaker See (lago di Faak), nota rinomata balneare famosa per le sue acque cristalline e per la caratteristica rocca di Finkenstein.

Altro lago importante è l’Ossiacher See (lago di Ossiach), famoso sia per i suo festival di musica classica sia per i suoi impianti sciistici. Poco lontano dal lago, sull’Affenberg, il monte dei primati, presso Landskron, si possono incontrare che si muovono in piena libertà un centinaio di macachi.

Hotel Consigliati

Hotel König von Ungarn

Hotel König von UngarnL'hotel più antico di Vienna si trova nel centro della città, a soli 50 metri dalla Cattedrale di Santo Stefano e nelle immediate vicinanze di molte [...]

Hotel Altmann

Hotel AltmannStruttura ben curata a conduzione familiare, l'Altmann sorge nel sud di Vienna, vicino alle autostrade principali, ai percorsi di corsa e al centro co [...]

Hotel Ekazent Schönbrunn

Hotel Ekazent SchönbrunnSituato a soli 150 metri dai Giardini del Castello di Schönbrunn e a 12 minuti a piedi dal Castello di Schönbrunn, l'Ekazent Schönbrunn offre la co [...]

Lenas Donau Hotel

Lenas Donau HotelSituato in una posizione tranquilla direttamente sul fronte riva del Vecchio Danubio, a soli 5 minuti a piedi dalla Stazione della Metropolitana Alte [...]

Hotel Admiral

Hotel AdmiralSituato in una posizione centrale nel cuore di Vienna, nelle immediate vicinanze di Mariahilfer Straße e del Quartiere dei Musei, l'Hotel Admiral dis [...]

Hotel Caroline

Hotel CarolineSituato nel quartiere di Favoriten, a sud del centro della città e a 5 minuti a piedi dalla stazione ferroviaria Hauptbahnhof, l'Hotel Caroline occup [...]

Hotel Beethoven Wien

Hotel Beethoven WienDotato del WiFi gratuito, l'Hotel Beethoven è situato in una tranquilla strada laterale a 100 metri dal mercato all'aperto di Naschmarkt e dal Theate [...]